Risotto alle ortiche con salsa ai formaggi

Ok la primavera è arrivata, gli alberi da frutto sono tutti in fiore, i prati sono pieni di margheritine e fiorellini vari, il sole si fa’ più caldo e finalmente si incomincia a fare qualche passeggiata.
Chi come me è appassionato di erbe da campo ha l’imbarazzo della scelta, asparagi selvatici, tarassaco, luppolo e ortiche! certo i germogli di ortica sono deliziosi. Si usano per varie preparazioni, gnocchi, risotti e anche torte e biscotti.
Mi raccomando solo di raccoglierla lontano da strade trafficate e di usare i guanti perché si sa, le ortiche pungono!

Secondo me le ortiche hanno un sapore delicato quindi ho preparato il risotto nel modo più semplice e scarno possibile e l’ho accompagnato con una salsa ai formaggi che può essere dosata a piacere da ogni commensale.
Io ammetto di aver abbondato con le ortiche perché mi piacciono molto, se volete potete anche ridurre un po’ la dose.

Ricetta:

Per 2 persone

– 300 gr di foglie e germogli di ortica
– 50 gr burro
– 200 gr di riso arborio
– brodo vegetale qb
– 100 gr di formaggio latteria
– 100 gr di formaggio montasio (60 giorni)
– 100 gr di formaggio grana
– mezzo bicchiere di latte
– sale

Cominciate lavando bene le ortiche. Usate solo i germogli e le foglie più tenere.

Sminuzzatele con un coltello. (usate i guanti mi raccomando)

Fatele rosolare in una padella con il burro finché cominciano ad appassire.

Aggiungete il riso e fatelo tostare finché diventa traslucido.

Cominciate ad aggiungere il brodo caldo e cuocete come un normale risotto.

Nel frattempo tritate grossolanamente i formaggi, aggiungete il latte e fondeteli a bagnomaria o nel microonde. Aggiungete latte se necessario.

Se dovrebbero rimanervi dei grumi poco male, usate il mixer a immersione per pochi secondi finché otterrete una salsa fluida.

Quando il risotto è pronto regolate di sale.

Impiattate mettendo la salsa a specchio sul fondo del piatto e il risotto nel centro. Servite caldissimo.

3 thoughts on “Risotto alle ortiche con salsa ai formaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *