Categoria: pesce

Ridatemi la pasta allo scoglio! – Spaghetti allo scoglio (alla mia maniera)

Ridatemi la pasta allo scoglio! – Spaghetti allo scoglio (alla mia maniera)

spaghetti allo scoglio

Gli spaghetti allo scoglio, così come la pasta alle vongole, sono piatti classici ma considerati un po’ vintage. In un questi tempi dove tutti i cuochi credono di essere Cracco, i modesti ma gustosi spaghetti allo scoglio vengono spesso cancellati dai menù dei ristoranti più ‘quotati’ e sostituiti con paste condite in modo insolito..
Al contrario, se la trovate nel menù è probabile che sia un pasta ‘turistica’ composta da pesce surgelato proveniente da chissà dove e con un bel po’ di insaporitore granulare. Continue reading “Ridatemi la pasta allo scoglio! – Spaghetti allo scoglio (alla mia maniera)”

Ancora pesce! – Tombarello in umido con pomodori e olive

Ancora pesce! – Tombarello in umido con pomodori e olive

Ciao!
Io adoro il pesce, a dir la verità adoro sopratutto i Secondi piatti di pesce,  ma mica solo pesce anche i molluschi, oh le cozze, le amo alla follia!
Ma non centrano le cozze in questa preparazione bensì un pescione che mai avevo mangiato, il Tombarello.
Il Tombarello fa’ parte della famiglia degli sgombri e viene venduto a volte come tonnetto ma non lo è, attenzione! Il Tombarello è di minor pregio perché ha carni più oleose e molto sanguinolente quindi ha anche un sapore piuttosto forte. Ma veniamo alla ricetta, si ancora pesce.

Ricetta:

Per 3 persone

– 1 tombarello di 1 kilo
– 10 pomodorini datterini (quelli un pò dolcini)
– una bella manciata di olive nere (io denocciolate)
– un cucchiaio di capperi già dissalati
– 4 foglie di basilico
– aglio secco in polvere o uno spicchio di aglio schiacciato
– mezzo bicchiere di vino bianco secco
– sale, olio EVO

Eviscerare e lavare molto bene il pesce dentro e fuori.

Tagliarlo a tranci di 2,5 cm eliminando testa, coda e pinne. Lavare delicatamente i tranci per farli spurgare del sangue. Asciugarli con carta da cucina.

Foderare una pirofila da forno con della carta forno che sbordi abbondantemente, appoggiare i tranci di pesce e condirli con aglio e sale, ricoprirli con i pomodorini tagliati a metà. Aggiungere le olive e i capperi, alcune foglie di basilico e finire con un altro pizzico di sale e un giro di olio.

Bagnare con metà del vino e richiudere la carta su se stessa a coprire la preparazione, lasciae un buco di sfogo per il vapore.

Infornare a forno caldo a 190 gradi per dieci minuti. Aprire la carta forno che copriva la preparazione e lasciar cuocere ancora per 15 minuti possibilmente col forno ventilato. Aggiungete altro vino solo se vedete che il fondo di cottura si consuma eccessivamente. Non cuocere troppo il pesce perché diventa stopposo.

Buon appetito!

Questa ricetta è in collaborazione con Gustissimo

 

Conchiglioni ripieni di zucchine e orata su zuppetta di peperoni

Conchiglioni ripieni di zucchine e orata su zuppetta di peperoni

 Voi sapete già quanto io ami le zucchine e questo è uno dei primi piatti con zucchine che mi è riuscito meglio, è stato molto apprezzato anche da mio marito e quindi ve lo ripropongo con piacere.
Questi conchiglioni ripieni fanno parte della fissa ‘paste ripiene’ che mi è venuta quest’estate, volevo renderli ‘chic’ oltre che buoni e non sò se ci sono riuscita, diciamo che è una ricetta che mi rende particolarmente fiera. Ci vuole un pò di pazienza perchè il procedimento è lungo ma niente affatto complicato.

Continue reading “Conchiglioni ripieni di zucchine e orata su zuppetta di peperoni”