Conchiglioni ripieni di zucchine e orata su zuppetta di peperoni

conchiglioni ripieni
 Voi sapete già quanto io ami le zucchine e questo è uno dei primi piatti con zucchine che mi è riuscito meglio, è stato molto apprezzato anche da mio marito e quindi ve lo ripropongo con piacere.
Questi conchiglioni ripieni fanno parte della fissa ‘paste ripiene’ che mi è venuta quest’estate, volevo renderli ‘chic’ oltre che buoni e non so’ se ci sono riuscita, diciamo che è una ricetta che mi rende particolarmente fiera. Ci vuole un pò di pazienza perché il procedimento è lungo ma niente affatto complicato.

Continua a leggere “Conchiglioni ripieni di zucchine e orata su zuppetta di peperoni”

Sono tornata….forse.. – Luna di bulgur e quinoa con straccetti di maiale all’orientale

Cara amica lettrice, caro amico lettore, sono tornata. Ho rinnovato un pò il look del blog rendendolo più pulito, meno ‘pieno’ di cose, e non è detto che le grandi pulizie siano finite 😉

Mi sono presa una pausa, inventandomi un pò di scuse, prima era il caldo a togliermi la voglia di scrivere, poi l’impegno di Rimini, ah certo era per quello che non avevo tempo di postare qualcosa. Tornata da Rimini mi son nascosta dietro al ‘bisogno di relax’ dopo un periodo intenso… e intanto i giorni passavano.

Comunque ho tenuto fermo solo il mio blog ma ho continuato a seguire gli altri, sia quelli degli amici sia quelli  in qui si capita per caso e ho trovato tantissime idee simpatiche, interessanti e genuine ma anche tanta ipocrisia….

Mi sono resa conto di non accettare più certi atteggiamenti, gente che parla male delle collaborazioni e poi pubblicizza un prodotto nuovo ogni settimana, gente che spaccia per alta cucina un piatto di pasta con un vasetto di sugo pronto versato sopra.
Gente che mi dice ‘dobbiamo essere uniti’ ma che con questo motto mi obbliga a politicizzare anche questo piccolo spazio personale che mi sono creata.
E poi, gente che ti viene a dire COME dev’essere il tuo blog… il mio blog?? E’ MIO! lo faccio come mi pare e se posto foto orrende di cibo mediocre sono solo cavoli miei, (in realtà le mie foto sono passabili e il cibo è buono, facevo solo un esempio 😉 ) certo non scalerò le classifiche dei ‘blog di cucina più letti’ ma questo non è il mio desiderio. Probabilmente non riceverò 150 commenti, la classica sfilza di  ‘Ah che buono’ oppure ‘oh che brava’, vabbè me ne farò una ragione.

Sai cara amica lettrice e caro amico lettore, cosa mi ha fatto tornare a scrivere?? L’amore che ho per la cucina, quell’amore che mi ha fatto continuare a nutrire la mia pasta madre tutta l’estate nonostante non l’abbia usata nemmeno una volta, quell’amore che mi ha fatto continuare a produrre Kefir sapendo che non ne avrei bevuto un sorso perchè non mi piace e lo uso solo per cucinare, quell’amore che mi ha fatto sudare in agosto, davanti a una pentola piena di marmellata di pesche, con 40 gradi in cucina.

E quel che mi ha riportato al blog è sopratutto l’affetto e il rispetto che porto per voi, lettori, quanti sarete 10? 20? 1? non importa, è per voi che continuerò a raccontare le mie ‘esperienze culinarie’.

E ora la volete una ricetta?? una di quelle che ho fotografato prima della ‘crisi’?
La classica ricetta vista e stravista ma buona e versatile, il titolo è lungo e fantasioso ma mi è venuto così!

Luna di bulgur e quinoa con straccetti di maiale all’orientale

Per 2 persone

200 gr di mix bulgur e quinoa
400 gr di polpa di maiale
un peperone rosso
una cipolla rossa
due cucchiai abbondanti di salsa di soia
un pò di farina
sale, paprika, olio EVO

Io ho usato il mix già pronto di quinoa e bulgur della Pedon, si cuoce presto ed è molto gustoso, peccato che la percentuale di quinoa sia molto bassa, solo il 20 %

La foto l’ho presa da internet, volevo precisare che la confezione l’ho comprata coi miei soldi, non è nè un compenso ne un dono della azienda.

Seguite le indicazioni sulla confezione per cucinare il bulgur e quinoa, in pratica si deve solo far bollire per 10 minuti in acqua leggermente salata.

Quando è cotto scolatelo e conditelo con un filino d’olio. foderate uno stampino con della pellicola e riempitelo ben bene con il mix di cereali pressando bene col dorso di un cucchiaio, fate raffreddare.
(Non ho la foto di questo passaggio per motivi di tempo.. stavo bruciando la cipolla…. 🙂

Tagliate a striscioline la polpa di maiale e il peperone ben lavato e svuotato dei semi.

Affettate una cipolla rossa e fatela rosolare in olio EVO, infarinate gli straccetti di maiale e aggiungeteli alla cipolla.

Lasciate rosolare un pochino poi aggiungete anche le strisce di peperone e una spolverata di paprika.

Fate rosolare bene, la farina deve quasi ‘tostarsi’ sulla carne. Ora sfumate con la salsa di soia, incoperchiate immediatamente, la carne ne assorbirà meglio il sapore.

Lasciate cuocere per 15 minuti mescolando di tanto in tanto, se la preparazione tende ad ‘attaccare(colpa della farina) aggiungete man mano dell’acqua calda.

Appena il maiale è cotto, spegnete il fuoco, assaggiate ed eventualmente aggiustate di sale.
Impiattate rovesciando lo stampino pieno di bulgur e quinoa su un piatto, togliete accuratamente la pellicola, contornate con gli straccetti di maiale badando di condire anche i cereali con il fondo di cottura.

Io ho trovato questo piatto entusiasmante, non avevo mai provato la quinoa e devo dire che è ‘divertente’ e gustosa.

Ora un paio di ‘comunicazioni di servizio’:
Inanzitutto volevo dire che la ‘Raccolta Speziale’ ideata da Antonella  e Libera è finita, L’avventura è stata entusiasmante per loro due, per i ragazzi e per noi sostenitori che abbiamo seguito con affetto la sua evoluzione. Se volete vedere come si sono divertiti alla festa del 9 ottobre andate QUI.

Se siete curiosi di sapere com’è andata la mia avventura a Rimini posso dirvi che è stato tutto meraviglioso, ho avuto un sacco di complimenti e un discreto riscontro economico, se volete andare a dare un occhiata al mio album di foto clikkate QUI  potrete vedere le mie creazioni, quelle delle altre partecipanti e anche la mia facciotta soddisfatta!

E se qualcuno volesse sapere come stà Tolomeo… beh voi che ne dite??

Un sentito ‘Grazie’ a chi si è venuto a far visita al mio blog, ha lasciato i suoi saluti e i suoi commenti, prometto di passare da tutti!

Ricettina veloce – Quiche di peperonata

Questa ricetta non volevo nemmeno postarla tant’è che non ho nemmeno le foto del passo passo. Però quando ho ho tolto lo stampo dal forno mi son resa conto che questa quiche è venuta davvero bella, colorata ed estiva! Così gli ho fatto un paio di scatti, proprio al volo eh!  All’assaggio si è rivelata uno spettacolo, mio marito ha apprezzato, io me ne sono letteralmente innamorata e tra un pranzo e una cena l’abbiamo finita.

E’ davvero semplice che quasi mi vergogno a darvi la ricetta però, dai., è talmente buona che spero tanto che la proviate anche voi.

Ingredienti

– un rotolo di pasta sfoglia
– un peperone rosso
– una melanzana
– due zucchine verdi piccole
– mezza cipolla rossa
– 250 gr di formaggio quark o philadelphia o simili
– due cucchiai di formaggio grattugiato
– un uovo
– una manciata di pane grattugiato
– sale, pepe, erba cipollina
– olio evo

Preparate la peperonata tagliando tutte le verdure a pezzi della stessa dimensione, la cipolla tagliatela a fettine.
Mettete a rosolare le verdure in poco olio EVO, salate, pepate e coprite, lasciate che si cuociano a fuoco moderato per 10 minuti circa, non serve aggiungere acqua perchè è sufficiente quella che rilascia la verdura.

Preparate una miscela con l’uovo, il formaggio quark, il formaggio grana, sale ed erba cipollina.
Spegnete le verdure che  devono rimanere molto croccanti perchè finiranno di cuocere nella quiche. Lasciatele raffreddare un pò dopodichè mettetele nella terrina con la miscela di uovo e formaggio, mescolate bene.

Accendete il forno a 180 gradi, quando è caldo foderate uno stampo con il rotolo di pasta sfoglia, bucherellate il fondo, cospargete di pane grattuggiato che servirà ad assorbire l’eventuale umido in eccesso delle verdure.

Ora mettete il ripieno nello stampo, livellatelo, ripiegate i bordi della pasta per creare un bordo. Bucherellate anche il bordo. Infornate per 30 minuti

Sfornate e fate raffreddare.

E’ buona calda ma anche fredda e proprio per questo che vorrei partecipare alla raccolta di ‘Vaniglia, zenzero e cannella’

Ah.. ecco la prima uscita di Tolomeo, adesso che è vaccinato, protetto contro le pulci e munito di collarino e guinzaglio luuuuungo, finalmente ha potuto esplorare il giardinetto davanti casa! In realtà ora ha anche una bellissima pettorina che è molto più comoda, qui lo vedete solo col collarino perchè eravamo impazienti di vedere cosa avrebbe fatto a contatto con la natura. Gli piace giocare nell’erba e anche mangiare gli insetti (bleah) è molto attratto dal giardino dei vicini e sopratutto si diverte un mondo a ingarbugliare il cavo del guinzaglio per far diventar matto mio marito che poi lo deve sciogliere… haha!

WHB 293# – Spiedini di pesce e peperoni con contorno di cous cous

Uno degli ortaggi che cucino più volentieri quest’estate è il peperone. Quello rosso, perchè adoro il suo colore oltre che il sapore dolciastro. E dire che i peperoni sono una di quelle verdure, come la cipolla ad esempio, che avevo messo da parte. Invece ora l’ho riscoperto e lo stò adoperando in molte ricette e ho scoperto anche che fa molto bene, contiene una alta percentuale di vitamina A e vitamina C e se vi rimane un pò indigesto non dovete fare altro che pelarlo e togliere con cura la membrana bianca all’interno, sono queste due parti del peperone che si fa fatica a ‘mandar giù’.

In questi spiedini trovo che il peperone rosso dia una nota aromatica che da rinforza i sapori e un tocco di colore che ben si armonizza col resto degli ingredienti.

Ingredienti per due persone:
Per gli spiedini:

– 2 calamari
– 2 fette di salmone
– un peperone rosso

Per la marinata:

– Erba cipollina a piacere
– prezzemolo a piacere
– Olio EVO mezza tazza
– sale, pepe o peperoncino a piacere
– succo di mezzo limone

Per il cous cous:

– cous cous precotto
– mezza cipollina bianca
– due pomodori perini
– due cucchiai di olive denocciolate
– 150 gr di feta
– olio e sale
– prezzemolo tritato

Prendete sciacquate il salmone e pulite i calamari, asciugateli.

Tagliate il salmone a cubotti e i calamari a larghe strisce.

Preparate la marinata mescolando tutti gli ingredienti.

Versate la marinata sul pesce, coprite con della pellicola e fate marinare un oretta nel frigo.

Lavate e tagliate il peperone a pezzi badando di togliere tutti i semi e le membrane interne.

Componete gli spiedini alternando il pesce e i pezzi di peperone, come vedete dalla foto le strisce di calamaro le ho avvolte attorno a un pezzo di peperone prima di infilzarle, mi sembra un modo pratico per evitare lembi di calamaro che spuntano disordinatamente dallo spiedino.

Metteteli su una placca da forno, spennellateli con la marinata avanzata, infornate per 10 minuti a 200 gradi, girateli e cuoceteli altri 10 minuti.

Mentre gli spiedini cuociono preparate il cous cous secondo le istruzioni. Per il condimento tagliate sottilmente la cipollina e a rondelle le olive, tagliate a metà i pomodori, eliminate i semi e tagliate a cubetti la polpa, sbriciolate il feta.

Unite il cous cous pronto e raffreddato con gli ingredienti che avete preparato, condite con olio EVO e sale e mescolate bene.
Mettete nelle ciotoline individuali e spolverate con il prezzemolo tritato.
Sfornate gli spiedini e sistemateli in un piatto adatto con accanto la ciotola col cous cous.

Con questa ricetta partecipo al WHB #293 ospitato questa settimana da Graziana del blog ‘Erbe in cucina’

Ringrazio come sempre:
Brii, Briggishome (nuovo blog bellissimo)

———————————————————————————–
Vorrei ringraziare tanto l’amica e concittadina Stefania del blog ‘Nuvole di farina’ che mi ha passato questo piccolo riconoscimento. io ora dovrei scegliere dieci blog a qui passarlo ma come sempre mi trovo in difficoltà con queste cose, quindi giro questo premio a tutti quelli che passano di qua e vogliono andare ‘AspassoconBlue’.
Grazie Stefania!