WHB #337 – Saltimbocca di tacchino con piselli

I piselli freschi li adoro. Il bacello liscio e pieno, il verde tenero.

Sgranarli mi rilassa e quando ho finito  mi diverto a passare le dita nella terrina piena di sferette dure e lisce.

Qualche anno fa ho fatto un set fotografico con una delle mie bamboline preferite immersa in una vasca di piselli, le foto sono state molto apprezzate! poi ovviamente i piselli sono stati lavati e utilizzati per fare un magnifico risotto.

L’altra settimana ho trovato i piselli freschi nell’azienda agricola dove compro di solito la verdura e ne ho portati a casa quasi un kilo e mezzo.

Quando sono freschi mi piace mangiarli cucinati in modo semplice per non coprire con altri ingredienti il loro sapore ‘verde’. Quindi ho preparato dei simil-saltimbocca senza salvia e i piselli da contorno.

I piselli erano proprio tanti e li ho mangiati anche il giorno dopo a pranzo come condimento per un couscous.

Per due persone:
– 2 fette grandi di fesa di tacchino
– 4 fette di speck
– un kilo di piselli da sgranare
– un cipollotto
– uno spicchio di aglio
– prezzemolo tritato
– sale, olio EVO

Sgranare i piselli, tenete i bacelli perchè vi serviranno per un altra preparazione che vi posterò prossimamente.

Tritate il cipollotto e lo spicchio d’aglio. Togliete sempre il germe interno dell’aglio che è indigesto.

Mettete in una padella con olio EVO il cipollotto e l’aglio, fate prima soffriggere leggermente poi abbassate la fiamma e fate cuocere per 10 minuti.

Aggiungete i piselli, mescolate bene, salate, aggiungete un paio di cucchiai di acqua bollente e coprite.

Lasciate cuocere circa 20 minuti, dipende dalla grandezza dei piselli i miei erano grossi. A fine cottura spolverate col prezzemolo tritato.

Nel frattempo che i piselli cuociono ricavate 8 piccole fettine dal tacchino, battetele leggermente per appiattirle.
Tagliate le fette di speck a metà, sovrapponete a ogni fettina di tacchino una si speck.
Chiudete a portafoglio il tacchino e fermate con uno stuzzicadenti.

Fate rosolare i pacchettini da entrambe le parti in una padella con poco olio. Salate poco.

Quando i piselli sono quasi cotti unite i saltimbocca nella padella e lasciate insaporire.

Semplici e buonissimi!

Con questa ricetta partecipo al WHB#337 che viene ospitato da Terry del blog ‘Crumpets & Co.’

Ringrazio come sempre:

WHB #314 – Straccetti di tacchino con verdure autunnali profumate al curry


Domenica io e mio marito, con l’aiuto dell’instancabile gatto Tolomeo, abbiamo preparato l’albero di Natale e gli addobbi per la casa. Una mattinata passata nel delirio sopratutto a evitare che Tolomeo si portasse via tutte le ghirlande e imbucasse le palline sotto gli armadi. Finalmente ce l’abbiamo fatta, io mi sono dedicata all’albero rivestendo tutte le palline in stoffa argentata e blu mentre mio marito ha addobbato finestra e porta d’entrata.
Il risultato è carino, sobrio e tranquillo, con qualche statuina e candela sparsa per la stanza ma nulla di esagerato.
Ecco le foto delle nostre fatiche!  

Lunedì invece ho aiutato ad addobbare l’albero della piazza del Villaggio. Quest’anno abbiamo messo sù un vero e proprio ‘comitato pro addobbi’ formato da tante signore che si sono date da fare per creare decorazioni originali e varie. Avrei voluto fare foto anche di questo albero ma qui continua a piovere e quindi vi rimando al prossimo post sperando che il tempo migliori.

Questi giorni, inoltre, mi sono dedicata alla ricerca di ricette biscottose per preparare i soliti sacchettini da regalare. Ho stilato una lista e la prossima settimana la mia cucina diventerà una vera e proprio ‘pasticceria’ anche perchè.. lo dico piano piano, vorrei provare a fare il panettone… incrociate le dita per me!

Ora è il momento della ricetta per il WHB che questa settimana è ospitato dalla cara Brii, la mitica organizzatrice italiana del Weekend Herb Blogging.

Questa è la ricetta per un piatto unico che unisce sapori prettamente italiani, come la zucca e il radicchio rosso, a sapori orientali grazie alla salsa di soia, al curry e al couscous che viene anch’esso aromatizzato al curry.

Ingredienti per 2 persone:
 
3 fettine di fesa di tacchino tagliate grosse
1 fetta di zucca
1 cespo di radicchio rosso tardivo
mezza cipolla bianca
un cucchiaio di curry
due cucchiai di salsa di soia
sale, pepe, olio EVO 

per il couscous:
140 gr couscous precotto
un cucchiaino di curry
due cucchiai di olio EVO
sale

Preparate il couscous secondo le istruzioni che trovate sulla confezione aggiungendo però il curry nell’acqua per aromatizzarla.
Tritate la cipolla e fatela imbiondire in padella con l’olio.

Tagliate a striscette il tacchino e mettetelo nella padella con la cipolla, fatelo ben rosolare.

Sfumate con la salsa di soia.

Tagliate a pezzi la zucca e unitela al tacchino, mescolate e coprite. Cuocete 5 minuti a fuoco basso affinchè la zucca cominci a cuocere.

Aggiungete il radicchio lavato e tagliato a pezzi.

Salate, aggiungete il curry e se volete anche del pepe. Aggiungete un cucchiaio di acqua, mescolate bene, coprite e fate cuocere 20 minuti con il coperchio.

Al termine della cottura controllate che la preparazione non sia troppo liquida, eventualmente asciugate il sugo di cottura a fuoco alto per pochi istanti.
Mettete un foglio di cellophane in uno stampino, riempitelo di couscous premendo bene, capovolgete lo stampino su un piatto e sformato il couscous con attenzione eliminando la pellicola.
Contornate il couscous con la preparazione di tacchino e verdure, decorate con foglie di radicchio crude

Partecipo al WHB #314 che viene ospitato da Brii del blog ‘Briggishome’,

Grazie anche a:

 Kalyn di Kalyn’s Kitchen


WHB #273 – Straccetti di tacchino gustosi

Vi sarete accorti che ho lasciato passare qualche giorno dall’ultimo post e che non sono riuscita a commentare come si deve i vostri blog il fatto è che sono impegnata a confezionare gli abitini per la convention di Roma e passo tutto il tempo libero a cucire. Inoltre stiamo ristrutturando il bagnetto al piano terra e ho materiali e polvere ovunque. Le giornate passano in un lampo, riesco a malapena a dare uno sguardo ai vostri blog e poi son di nuovo con l’ago in mano, mi concedo solo una pausa caffè al bar del Villaggio dove trovo sempre qualche simpatica signora con la quale scambiare quattro chiacchiere. Per fortuna questi ultimi giorni a Trieste soffiava una Bora tremenda quindi mi son rintanata al calduccio nel mio studio e mi sono proprio ‘imbozzolata’ in stoffe, fili e lane.
I miei pranzi si limitano a una pizzetta o un panino accompagnati da una tazza di minestra o brodo caldo per riscaldare lo stomaco, le cene invece cerco di farle varie e appetitose per il mio tesoro che torna a casa sempre stanco e intirizzito dal freddo.
Questi straccetti di tacchino li ho preparati proprio l’altra sera quando, in preda alla disperazione, mi sono accorta che era già ora di cena e ancora non avevo ideato niente. Per fortuna avevo una confezione di fettine di tacchino appena comprate e, sebbene sappia che mio marito non ama questo tipo di carne, ho provato a realizzare un piatto appetitoso e sopratutto veloce.
Apro una parentesi per dire che ho scoperto da poco tempo i capperi. Come saprete i capperi sono i boccioli dei fiori della pianta Capparis spinosa che dopo la raccolta vengono conservati sott’olio o sotto sale. Si usano per aromatizzare carni, pesce e sughi e sulla pizza. Vorrei ricordarvi sopratutto il famoso ‘Cappero di Pantelleria’ che è insignito del marchio Igp ed è uno dei prodotti del made in Italy più esportato.
L’altra settimana ho comprato un vasettino di capperi sott’olio, presa da un impulso improvviso, senza avere idea di come li avrei usati.
Ho deciso di usarli così, in questo gustoso secondo piatto assieme a delle olive nere e del porro.

Per due persone prendete:

2 fette grandi di petto di tacchino o pollo
un piccolo porro
un cucchiaio raso di capperi sott’olio
un pugno di olive nere snocciolate
un quarto di bicchiere di vino bianco
sale, pepe, olio EVO

Tagliate a rondelle sottili il porro e fatelo soffriggere in olio EVO

Nel frattempo tagliate le fettine di tacchino a striscioline, quando il porro è ben rosolato, aggiungetele nella padella e fate ben insaporire.

Sfumate la carne con poco vino bianco, aggiungete i capperi sgocciolati dal loro olio e le olive nere tagliate a rondelline, salate e pepate.

Lasciate cuocere a fuoco medio per 20 minuti mescolando spesso e aggiungendo solo se necessario, poca acqua tiepida.

Eccoli qui, morbidi, gustosi e veloci.

Con questa ricetta partecipo al WHB #273 ospitato questa settimana da Brii del blog ‘Briggis recept och ideer’

Ringrazio come sempre